Memoria

Il cielo di roccia

Negli anni 50 e 60 lavoravano nelle miniere di Raibl una trentina di gemonesi. A testimonianza di queste dure esperienze di lavoro ricordiamo la storia di Patat Pietro, da famee dai Giupès.

Aurelio Candido – Gemona insolita

Fotografie di Gemona
Friulano, vivo a Roma da tempo. Mi occupo di editoria e comunicazione, sposato con due figli. Mi piacciono i boschi, soprattutto quelli di faggio, di tutte le conifere preferisco i larici. Amo l’interno della Sardegna, l’Abruzzo e in particolare il Gran Sasso. Fotografo praticamente da sempre. Benedico gli inventori della fotografia digitale che, alla faccia dei puristi, considero ormai di qualità pari o superiore alle diapositive e alle stampe da negativo e nello stesso tempo mi fa risparmiare un sacco di soldi.

Aurelio Candido – Il centro storico e il Duomo

Fotografie di Gemona (centro storico e Duomo)
Friulano, vivo a Roma da tempo. Mi occupo di editoria e comunicazione, sposato con due figli. Mi piacciono i boschi, soprattutto quelli di faggio, di tutte le conifere preferisco i larici. Amo l’interno della Sardegna, l’Abruzzo e in particolare il Gran Sasso. Fotografo praticamente da sempre. Benedico gli inventori della fotografia digitale che, alla faccia dei puristi, considero ormai di qualità pari o superiore alle diapositive e alle stampe da negativo e nello stesso tempo mi fa risparmiare un sacco di soldi.

Ricordi di Casere Buteghis

Buteghis è un località posta nella valle Venzonassa all’altezza del Cuel di Lanis. In friulano Buteghis significa Botteghe. Forse era un luogo di scambio con le vicine popolazioni slave. Dal 1930 al 1952 l’omonima casera e le stalle adiacenti sono state utilizzate per l’alpeggio dai Broilis (Copetti) di Stalis. Mario, classe 1929, racconta.